ANELLO DI RISO FARCITO

Da tantissimo tempo avevo l’intenzione di fare questo anello
di riso; sono contenta di esserci riuscita perché ne valeva veramente la pena.Questo periodo è stato per me denso di impegni e la cucina
mi ha vista pasticciare veramente poco. Per provare qualche ricetta mi rimane
solo la domenica ed ogni volta sono combattuta tra il passare con la mia
famiglia questo raro momento di tranquillità oppure rintanarmi in cucina per un
bel po’ di ore.Questa domenica ho cercato di fare entrambe le cose e
ovviamente sono andata in tilt. Ho uscito dal forno l’anello di riso per le
15.00 dopo essere andata fuori di testa al momento della preparazione: ricordando
diversamente la forma del barattolo che conteneva la paprica comprato il giorno
prima, ho inutilmente messo a soqquadro la dispensa. Per tutto il tempo la
paprica è rimasta sotto il mio naso dentro una vaschetta anonima, per cui avevo
optato durante l’acquisto, e che ovviamente non vedevo. Ho fatto cercare a mio
marito tra le poltrone della macchina perché convinta che l’immaginario
barattolo di vetro fosse scivolato tra i tappetini. Alla fine, mentre la mia
disperazione per l’assenza della spezia aumentava trasformandosi in rabbia da
sfogare sul tavolo pieno di ingredienti, quel santo di mio marito trova la
vaschetta, legge il contenuto, si gira verso di me e mi porge il contenitore,
guardandomi allibito. Avrei voluto che in quel momento il pavimento si aprisse
e mi fagocitasse; invece, con grande nonchalance, l’ho ringraziato e ho continuato
a cucinare. Chissà cosa gli sarà passato per la mente.

 

Forse ho bisogno di riposo…

 

La ricetta è presa da un numero della Cucina Italiana di
qualche anno fa.

 

 

 

Ingredienti per uno stampo ad anello di 30 cm di diametro:

 

 

400 g macinato di vitello

 

600 g misto di riso (thai, selvaggio canadese)

 

200 g di funghi champignon

 

160g di verdure a listarelle (porro e carota)

 

120 g di zucchine genovesi a listarelle, privilegiando la
parte verde

 

50 g di fave sgranate

 

50 g di panna liquida

 

1 uovo

 

4 carciofi

 

1 cucchiaio di paprica dolce

 

4 fette di pancarrè senza glutine ammollato nel latte

 

farina (per i celiaci senza glutine) per panare le polpette

 

½ cipolla

 

1 cucchiaio di estratto di carne (io l’ho omesso)

 

circa 4 mestoli di brodo vegetale (fresco o dado che per i
celiaci deve essere riportato in prontuario AIC)

 

 

 

Per prima cosa controllare il tempo di cottura del riso: nel
caso siano indicati 10-11 minuti non c’è bisogno di metterlo in acqua; se il
tempo fosse di più è meglio tenerlo in acqua mentre preparate il resto.

 

Pulire i carciofi mettendoli in acqua con del succo di
limone e tagliarli a listarelle; pulire i funghi e tagliarli a fettine.
Sciacquare le fave sgranate e privarle della buccia, nel caso la riteneste non
tenera. Lavare, mondare e tagliare a striscioline la carota, il porro e la
zucchina.

 

Preparare le polpette: in una terrina mettere il macinato
con l’uovo, il sale, il pancarrè ammollato e sbriciolato e la paprica dolce.
Formare le polpette, infarinarle e passare in padella con un filo d’olio e.v.o.

 

Una volta dorate le polpette togliere dalla padella e nello
stesso sughetto cuocere il misto di verdure. Aggiungere i mestoli di brodo
vegetale e infine la panna. Aggiustare di sale.

 

In 1 l e mezzo di acqua salata bollire il riso insieme a
mezza cipolla (sana). Dopo 6 minuti dal bollore spegnere il fuoco e lasciare che
il riso assorba l’acqua. Infine togliere la cipolla.

 

Accendere il forno a 180°C. Imburrare la teglia ad anello.
Procedere montando il pasticcio: fare uno strato di risto; inserire metà
polpette e metà scamorza tagliata a dadini. Ricoprire con uno strato di riso;
pressare per bene in modo che si compatti il tutto. Ripetere la stratificazione
un’altra volta compattando sempre con l’aiuto di una spatola o di un cucchiaio
grande. Alla fine ricoprire con uno strato di riso. Passare lo stampo con il
riso dentro una teglia più grande. Ricoprire la teglia con acqua bollente e
procedere con la cottura a bagnomaria dentro il forno per 30 minuti.

 

 

Appena
cotto sfilare lo stampo e servire con le verdure.
Buon appetito!!

 

8 Comments

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *