CARCIOFI E UOVA CON SALSA S. BERNARDO

Ma questa ricetta è strana assai, ma assai assai! Questo è stato il mio commento quando, sfogliando un bel libro di ricette sicule, l’occhio si è posato proprio lì. La mia attenzione non è stata catturata da fotografie strabilianti, ma dall’abbinamento uova – carciofi che mi solleticava molto. Senza sapere che l’originalità del piatto non è racchiusa in questo, ma nel connubio di odori e sapori che mai avrei immaginato potessero stare nello stesso piatto. Dovevo provare la ricetta, assolutamente!

Il problema è che ho scelto forse la giornata sbagliata perché ho cominciato a mettermi davanti i fornelli tardino, per non parlare dell’ora in cui ho finito! Alle 21.30 ho urlato a mio marito che era pronto in tavola; nel frattempo lui si era addormentato sul divano. Meno male che ha ritrovato l’appetito con questo piatto che ha considerato “sconvolgente” per il suo palato abituato a gusti standard. Invece io avevo perso l’appetito, un po’ perché avevo continuamente assaggiato il ripieno e la salsa per controllarne il gusto, un po’ perché mentre cucinavo ho ingurgitato un bel po’ di formaggio, sorseggiando un bicchiere di vino rosso. Ah, ecco perché i carciofi continuavano a girare nella padella! Dobbiamo ringraziare il cielo che non abbia continuato ad inserire gli ingredienti della ricetta della pagina accanto, oppure l’ho fatto…Decidete un po’ voi: se la ricetta vi sembra un po’ stranulidda potete dire che ho fatto un mix di ingredienti di ricette; al contrario, se viene fuori un piatto da gourmet, me ne prendo tutto il merito!
Ingredienti per 4 persone:
6 carciofi bolliti
3 uova sode
250 g di briciole di pane tostate
80 g di mandorle tritate,
80 g mandorle intere
2 cucchiai di cioccolata amara in scaglie
45 g di zucchero semolato
8 filetti di acciuga
2 cucchiai di miele dal sapore delicato
1 dl di aceto di vino
pasta d’acciughe
olio e aceto per la salsa quanto basta
Pulire e bollire i carciofi. Bollire le uova. In una padella antiaderente rosolare 150 g di briciole di pane in 3 cucchiai di olio e.v.o.. Appena tostato togliere dal fuoco e asciugarne l’olio con carta assorbente. In una scodella unire le mandorle tritate finemente con le briciole tostate, il miele e 2/3 cm di pasta di acciuga, diluita in un poco di olio, e l’aceto quanto basta per ottenere un composto cremoso. Aprire a metà i carciofi e con l’aiuto della punta di un coltello togliere barba e un po’ di  foglioline interne, in modo da creare un solco da riempire. Riempire i carciofi con l’impasto, lasciandone un po’ per mescolarlo con i tuorli sodi separati dalle uova, ciascuna tagliata a metà. Riempire anche le uova.
Adesso si prepara la salsa: tostare in una padella antiaderente le mandorle e successivamente tritarle e passarle in una terrina per la cottura a bagnomaria. Unire le acciughe diluite nell’olio, il resto della mollica di pane non tostata, le scaglie di cioccolata, lo zucchero e l’aceto che serve per fare una salsa non troppo densa. Appena raggiunta la consistenza gradita, togliere dal fuoco la salsa e spargerla sulle uova e sui carciofi. Lasciare raffreddare.
In verità io non ho fatto attenzione alla specifica sulla densità della salsa, che mi è venuta molto consistente. Riflettendo sul vino sorseggiato, adesso ne capisco il motivo :). Nel caso risultasse molto densa anche a voi vi consiglio di frullare con il mixer il tutto e poi di diluire con l’aceto. 
Con questa ricetta partecipo al contest organizzato da unazebrapois, Mezzaluna, Gaietta  in cui si vincono i premi di Kit-Zen

16 Comments

  • certo il cioccolato accoppiato a uova e carciofi sconvolge un po'!!sai dirmi che origine ha questa ricetta?in quale provincia siciliana è nata?comunque credo tu abbia fatto davvero un bel lavoro!!sei stata audace e sei stata premiata con un bel risultato!

  • maria luisa ha detto:

    Strana ma intrigante, una ricetta veramente originale, secondo me dovrebbe essere buonissima!!
    Bravissima stellina!! Buona serata!!

  • ValeTork ha detto:

    strana è strana… bisognerebbe provarla per vedere l'effetto che fa 😉

  • Tinny ha detto:

    A me mi ispira…bello "stranuliddo" lo userò anch'io! Ciao bella, un bacione.

  • blunotte ha detto:

    Ciao, arrivo qui dal tuo commento al mio post ….bhe dobbiamo mettercela tutta noi per costruire il futuro di domani, inutile piangere, dobbiamo ricostruire o perlomeno provarci!
    E cmq grazie per le tue ricettine, prendcero' spunto!
    tamara

  • salamander ha detto:

    strana lo è davvero, ma il risultato dev'essere strepitoso!

  • @Spunti e spuntini…: mannaggia, l'ho visto da qualche parte come ti chiami e mi sfugge. Allora: la ricetta è originaria della Sicilia orientale, per la precisione sembra sia legata al monastero di S. Bernardo di chiaravalle del paese Gravina di Catania. Chissà perchè un sacco di ricette siciliane nascono dai monasteri e dai conventi. Forse perchè lì se la pasavano molto bene.
    @Vale tork: effetto? bè, il cioccolato è afrodisiaco…forse era scaduto però 🙂

    @Maria luisa:è buona; ho mangiato il carciofo rimasto il giorno dopo e devo dire che era buono 😉

    @Tinny: Ciao stranulidda!!! 🙂 bacioni e buon we

    @Tamara: hai ragione da vendere. Grazie per essere passata
    @Salamander: lo è davvero! Mango so come cucinare il mango 🙂

  • Angela ha detto:

    Deve essere squisita e particolarissima :)))

  • Claudia ha detto:

    Sono curiosa di assaggiare questo piatto, mi attira molto.

    Buon fine settimana

  • Gaietta ha detto:

    ciao,
    sono gaia di shake&bake…per ritenere valida la tua ricetta per il nostro contest Homemade Is Better! come DA REGOLAMENTO ti chiedo di inserire i link dei nostri tre blog nel tu post e anche quello della kit zen,che sponsorizza il contest!Inoltre, sempre come scritto nel regolamento è necessaria l'iscrizione ai nostri tre blogs.

    qui trovi tutte le info e il regolamento completo: http://www.shakeandbake.it/2011/03/homemade-is-better/

    passa pure a lasciarmi un commento quando avrai corretto il post.
    Grazie

  • ~ Cupcakes ♥ ha detto:

    Ciao sono una tua nuova sostenitrice,
    sono passata di qui e ho iniziato a seguirti nella tua avventura culinaria 😉
    Se ti va passa da me e se ti piace il mio blog inizia a sostenermi anche tu così da non perderci di vista.
    A presto.
    http://dolcimomenticupcakes.blogspot.com/

  • La Gaia Celiaca ha detto:

    io credo che sia una ricetta favolosa, te la copio quanto prima e poi ti saprò dire!

  • Sonia ha detto:

    Elenuccia, certo che leggendo gli ingredienti qualcosa di stranuliddu c'è ma mi fido ciecamente del fatto che abbiate gradito e poi roba sicula è: può mai essere brutta?!!?? ma bravissima cara e in bocca la lupo per il contest, baciuzzi cacaosi :XX

  • Lenia ha detto:

    Che bella idea!Brava,Elena!Buon mese:)

  • Lory B. ha detto:

    Ciao!!!! Complimenti per il blog, mi sono aggiunta ai tuoi sostenitori!!!!!!!
    Prendo la ricetta, perchè è troppo interessante e ghiotta!!!!!
    Un baciooooooo!!!!!

  • Calogero Mira ha detto:

    E si può cucinare questa ricetta dei carciofi con salsa S. Bernardo senza uova sode?

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *